Seguici sui social: 

Seguici sui social: 

CINEMA TEATRO DON BOSCO via XIII Martiri, 86 - San Donà di Piave (VE) - Tel. 346 960 5687 - vedi tutta la programmazione

Ravenna: Lo Splendore dei Mosaici

Lunedì 15 ottobre alle ore 20.45, con il prof. ROBERTO FILIPPETTI, in altissima risoluzione con la tecnica dell'Explorer Navigation  sul grande schermo da 10 metri del cinema. 

Genere: Conferenza
Durata: 1h e 45'
Ingresso: 5€

Le chiese e i battisteri di Ravenna all'esterno ci appaiono come umile terra, terracotta che affonda nella nuda terra. Ma all'interno squillano radiosi gli ori, gli azzurri i verdi, e ci attraggono nel refrigerio della contemplazione. Una bellezza - meglio: la bellezza - dell'altro mondo.
In questi mosaici risplende un anticipo di paradiso. "È una visione profetica di ciò che sarà il mondo quando Cristo avrà finito di salvarlo, un mondo riconciliato, trasfigurato dalla luce, che è il colore della carità divina. Se il vostro destino eterno vi interessa, andate a Ravenna. Esso sta scritto sui suoi muri": così scrive André Frossard nel Vangelo secondo Ravenna.
Un viaggio in in sei tappe:
1. Galla Placidia, con la sua cupola blu notte punteggiata di stelle.
2. Il Battistero neoniano, ove gli apostoli guidati da Pietro e Paolo, sembrano ritmicamente procedere verso oriente, posando i piedi nel verde smeraldino della "terra nuova", sullo sfondo azzurro indaco dei "cieli nuovi". 
3. Il Battistero degli ariani, ove è enfatizzata l'umanità di Cristo. E quel dettaglio sorprendente: sul capo della personificazione del fiume Giordano si stagliano due chele di gambero. Perché?
4. Sant'Apollinare nuovo, con le grandi teorie dei santi e delle sante, ma soprattutto con le 26 scene evangeliche poste alla sommità delle pareti (dunque pressoché invisibili ai visitatori): si tratta del più ampio ciclo di mosaici evangelici di epoca romano-cristiana, giunto a noi pressoché integro. 
5. Sant'Apollinare in Classe e l'indimenticabile Trasfigurazione mostrata nel suo catino absidale: è proprio un anticipo di paradiso. 
6. San Vitale, conclusiva apoteosi. Davvero, come scrive Frossard, "qui la materia trasfigurata diventa luce, fiammata d'eternità". 

 

ROBERTO FILIPPETTI è il primo italiano che viene chiamato a Pechino a tenere un corso su mille anni di arte cristiana. Ha tenuto presentazioni a Lima e Asunciòn, Gerusalemme e Betlemme, Barcellona e Bratislava, Ginevra e Basilea, e in decine di altre città d'Europa. L'Italia l'ha percorsa in lungo e in largo (si veda il sito ufficiale) in migliaia di eventi in cui ha affascinato tutti, dai bambini delle scuole dell'infanzia ai cattedratici delle università. Spesso viene accostato a Sgarbi (ma senza la vis polemica) e a Daverio (ma senza il papillon). Però loro due prediligono la televisione, invece Filippetti fa dell'arte uno spettacolo "teatrale", cioè "fa vedere", attesta ciò che dice entrando nei dettagli con una strepitosa tecnica di zoom che è stata creata ad hoc per lui; e così fa anche "cinema", cioè mette le immagini in movimento. Professore di Iconologia e Iconografia cristiana, entra nella densità simbolica dei dipinti, quasi in un'affascinante caccia al tesoro. Lo abbiamo sperimentato noi di San Donà e di altre 13 città del Veneto, ove nei mesi scorsi la mostra da lui curata sugli affreschi di Giotto nella Cappella degli Scrovegni ha entusiasmato un migliaio di liceali in alternanza scuola lavoro, i quali a loro volta l'hanno illustrata a circa 90.000 visitatori. Un'esperienza da continuare, perché ha a che fare con la Bellezza che salva il mondo.

 
CINEMA TEATRO DON BOSCO
via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 346 960 5687

Seguici sui social:
 

Powered by  

 
CINEMA TEATRO DON BOSCO
via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 346 960 5687

Seguici sui social:
 

Powered by