Oratorio don Bosco - San Donà di Piave (VE)           Login                  Chi Siamo     La Nostra Storia     Oratorio     Scuola     Cinema     Contatti

La Pasqua del Clan! Comunità, fede e accoglienza...

del 11 aprile 2018

Giovedì, venerdì e sabato Santo, il Clan e il Noviziato hanno partecipato ad un intenso campetto di Pasqua. Tra cerimonie, momenti di fede e tanto divertimento questa Pasqua ha lasciato il segno!

Durante il Triduo Pasquale Clan e Noviziato hanno partecipato ad un Campetto di Pasqua in cui, fra chiacchiere e giochi, sono state vissute importanti cerimonie e, oltre alla tematica religiosa, sono stati affrontati vari temi: cardine di tutto, l’accoglienza.

Il primo giorno, giovedì santo, l’accoglienza era intesa come integrazione del Noviziato nel Clan: finora hanno vissuto strade diverse, con attività ed incontri distinti ma ora le vie si intrecciano e la direzione è la stessa: rafforzare la comunità per vivere una bellissima Route assieme. Per unirci il Clan si è messo in gioco, con bici, caschetti e zaini è partito all’insegna di un’avventurosa caccia al tesoro per la città.  Il Clan alla ricerca dei novizi, a cui era stato assegnato precedentemente un luogo di San Donà dove recarsi. Ogni volta che uno di essi veniva raggiunto, prima di aprire la busta con l’indizio per il luogo successivo doveva leggere una sua presentazione. Quest’ultima scritta la settimana prima in un modo molto originale: tre foto risalenti a tre periodi diversi della nostra vita scout e il nostro fazzolettone, una breve descrizione dei ricordi che ognuno di questi quattro oggetti ci ricordava, tre parole chiave per ognuna… tramite queste una descrizione di noi stessi. Un’attività che il Clan aveva già fatto, ora integrata con il Noviziato.

Il venerdì l’accoglienza era rivolta alla cerimonia di salita al Clan del Noviziato, un momento in cui vi è l’accettazione dei novizi nella comunità di Clan. Oltre al Noviziato, la cerimonia ha permesso di dare il benvenuto ufficiale a Maria con la consegna del fazzolettone del San Donà 1. Sul prato un cartellone: un puzzle, su ogni tessera del quale era stata stampata la foto di un componente del Clan; attorno, sparse, le foto dei novizi. A turno, i ragazzi e le ragazze dell’ultimo anno sceglievano una persona di cui prendersi cura durante l’anno, ne raccoglievano la foto e la incollavano nel puzzle, completandolo. Poi la lettura della Carta di Clan ai componenti del Noviziato e la sua firma da parte di questi e di coloro che non avevano potuto essere presenti alla firma.

Anche la catechesi era improntata sull’accoglienza: a partire dal Vangelo di Marta e Maria che hanno accolto Gesù in casa loro, abbiamo analizzato i loro comportamenti e li abbiamo confrontati con i nostri. Poi un interrogativo che, nel suo sviluppo, ci ha accompagnati per tutto il campetto: tra le persone con cui entriamo maggiormente in contatto durante il giorno, quali, dovendole accogliere in casa nostra, faremo entrare solo nel salotto? Quali poi anche in cucina? Riflettendoci bene, accoglieremo in salotto le persone che non conosciamo benissimo, con cui abbiamo poca confidenza, nonostante le incontriamo tutti i giorni: alcuni compagni di classe, professori, compagni di corso all’università, … Intendendo invece la cucina come un luogo in cui si conversa, si discute, ci si confronta e ci si apre di più, qui accoglieremo persone con cui abbiamo maggiore confidenza, che sappiamo che ci muovono critiche costruttive, con cui possiamo discutere liberamente. La conclusione il sabato: chi tra le persone individuate il giorno precedente faremo entrare nella nostra camera? Oltre ai familiari, probabilmente gli amici più fidati, più intimi… e come vediamo la prospettiva di una camera da letto condivisa con qualcuno, di una vita condivisa con qualcuno? C’è chi ne ha paura, chi no… parlando della vita futura, abbiamo partecipato ad una testimonianza. Un incontro con una persona che lavora in un centro di recupero per tossicodipendenti minori, una testimonianza insolita, più che altro un confronto: come tematiche la fiducia, il futuro, cosa riteniamo essere i pilastri della nostra vita?

Molti spunti di riflessione, molte attività, cerimonie e divertimento… entusiasti di questi tre giorni, non avremmo potuto trovare un modo migliore per prepararci alla Pasqua!

Autore: Maria Paulon

ORATORIO DON BOSCO
via XIII Martiri, 86
30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 0421 338911

Seguici sui social:

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO
via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE)
Tel. 0421 338911