ORATORIO DON BOSCO - San Donà di Piave

Il Branco in Caccia

del 25 novembre 2019

Seeonee e Waingunga alla caccia del toro di Bagheera. Uscita dei branchi a Croce e Torre di Mosto. 17 novembre.

 “...Io parlo in favore del cucciolo d'uomo, disse Baloo. Non c'è nulla da temere in un cucciolo d'uomo.
Non ho il dono di saper dire belle parole; però dico la verità. Lasciatelo correre con il branco e sia
accettato assieme agli altri. Io stesso gli insegnerò.
Parlò poi Bagheera, che disse: Uccidere un cucciolo nudo è una vergogna. Ora alla parola di Baloo, io
voglio aggiungere un toro, un toro grasso e fresco a nemmeno mezzo miglio da qui, se voi accetterete il
cucciolo d'uomo secondo la legge.”

Tratto dal racconto “I fratelli di Mowgli”

Domenica 10 novembre noi lupetti dei branchi Seeonee e Waingunga abbiamo fatto davvero una grande caccia!

Partiti la mattina di buon'ora dall'oratorio di San Donà rispettivamente per Croce e per Torre di Mosto, abbiamo avuto modo di scoprire dei bellissimi posti nelle vicinanze di San Donà.

Subito dopo un brevissimo (ma intensissimo) risveglio muscolare, Bagheera ci ha raccontato I Fratelli di Mowgli, una delle storie più belle e importanti di tutto Il Libro della Giungla. Nel racconto, il branco si riunisce per decidere il destino di Mowgli, il cucciolo d'uomo; ucciderlo come una semplice preda, come vorrebbe la tigre Shere Khan, oppure lasciarlo crescere con gli altri lupi, come vorrebbe invece Mamma Raksha, che ormai lo considera un suo lupacchiotto. Dopo una lunga discussione, la proposta di Mamma Raksha viene accolta da tutto il branco, anche grazie alle parole di Baloo e di Bagheera, che per riscattare Mowgli decide di cacciare per il branco un toro.

E sapete, anche noi abbiamo cacciato il nostro toro! Seguendo le tracce di Bagheera, abbiamo scovato un'enorme cesta piena di cioccolatini (gentilmente offerti dalla Cioccolateria Veneziana di Chiesanuova, ndr), che sono state la nostra meritatissima merenda mattutina.

Finito il momento di gioco, abbiamo anche noi accettato i nostri piccoli “cuccioli” nel branco, ovvero i nuovi arrivati di quarta elementare. Come Mowgli, almeno due tra noi lupi del branco doveva parlare in favore di uno dei nuovi entrati. Questo è stato uno dei momenti più importanti di tutta l'uscita e infatti, quando ho parlato in favore dei cuccioli, ho sempre cercato di preparare il mio discorso per parlare al meglio a loro nome.

Dopo essere andati a Messa, siamo tornati per giocare un po' prima del pranzo a bandiera svizzera e ho riso un sacco perché molti, me compreso, sono scivolati nel fango, mandando in fumo tutta la strategia che avevamo preparato con Mamma Raksha.

Abbiamo quindi pranzato e, ispirati da Bagheera, abbiamo preso in giro Akela con una canzoncina che le impediva di mangiare… è stato davvero divertente e penso che anche lei, sotto sotto, si sia divertita.

Dopo pranzo, Fratel Bigio ci ha spiegato un bellissimo gioco con delle pepite per scoprire come sarebbero state le sestiglie quest'anno; ma questo l'abbiamo scoperto solo alla fine del gioco. Per prima cosa, dovevamo trovare dei lingotti sparsi per il campo con scritto i l nostro nome; I vecchi lupi sono stati poco simpatici con la mia squadra, infatti avevano nascosto il lingotto con scritti i nostri nomi nei posti più introvabili. Nonostante questo, il gioco mi è piaciuto davvero tanto. Dovevamo lottare con le altre squadre per il possesso delle pepite. Dopo averne conquistate cinque, la nostra squadra doveva andare dai vecchi lupi, e in cambio riceveva un pezzo di un cartellone, che alla fine sarebbe stato il cartellone delle sestiglie di quest'anno. Una volta composto, ci siamo finalmente divisi per sestiglia, dove abbiamo scelto il nostro urlo. Dopo un primo quadrato, in cui abbiamo sentito gli urli anche delle altre sestiglie, è praticamente terminata l'uscita, non prima però che i Vecchi Lupi ci avessero consegnato dei calendari, che dovremo vendere fino a Natale.

È stata davvero una bellissima uscita, mi sono divertito un sacco a giocare nel fango (la mamma un po' meno) e soprattutto sono contento della mia sestiglia. Non vedo l'ora che arrivi la prossima attività!

Autore: Giorgio Boem

SEGUICI SUI SOCIAL

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO  - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - Tel. 0421 338911