ORATORIO DON BOSCO - San Donà di Piave

Clan ai tempi del Coronavirus

del 10 aprile 2020

“La guida e lo scout sorridono e cantano anche nelle difficoltà” è il motto del Clan in queste difficili giornate…

Di fronte alle monotone giornate, il Clan non si ferma ma sfrutta la situazione per intraprendere un nuovo percorso in parallelo al capitolo. I Capi subito ci propongono come spunto due film, “Cast Away” e “The terminal”, entrambi con Tom Hanks: solitudine, sogno, essenzialità, incontro, quattro parole importanti racchiuse in essi. Ogni pattuglia ha sviluppato una riflessione a riguardo, che poi è stata condivisa; il concetto che più ci ha colpiti è stato il “sogno” perché in entrambi i casi il protagonista, nonostante il lungo periodo di “solitudine” vissuto, ha voluto portare a termine l’obiettivo originale, che fosse consegnare dei pacchi o far firmare un autografo. Come possiamo noi declinare questi quattro aspetti nel nostro piccolo e in ottica di route?

La settimana successiva ci siamo concentrati sul nostro capitolo con la pattuglia Kujenga, in particolare nell’ambito della degenerazione economica. I filoni seguiti erano tre, ognuno approfondito da una pattuglia con degli articoli: rapporti tra USA e Medio Oriente, Brexit, dazi imposti da Trump in Europa e Cina. Con l’aiuto di una linea del tempo, si è cercato di ricostruire un’unica storia partendo dall’attentato alle Torri Gemelle fino ad arrivare al Covid-19, rimanendo sempre in ambito economico. Come ben ricorderete, questo tema era già stato trattato in precedenza con un gioco (http://www.inoratorio.it/iniziamo-l-anno-con-il-botto), infatti qui si trattava di mettere in pratica le “regole” individuate la volta precedente: ogni scelta viene fatta per il bene del proprio Stato, ma il voler mantenere i propri interessi anche in un contesto comune porta a degenerare in conflitti.

Il Clan però si sa anche divertire! Nonostante tutto, anche con la limitazione della videochiamata abbiamo giocato al nostro gioco preferito: “Lupi e contadini”, comunemente detto “Lupus in fabula”, fino a mezzanotte e mezza!

La settimana successiva non ci siamo sentiti tutti assieme, ma semplicemente a coppie per condividere le riflessioni sulle catechesi e sfruttare l’occasione per fare quattro chiacchiere e ricreare lo spirito di comunità di cui abbiamo nostalgia (cit. FF).

Il mercoledì della Settimana Santa, dopo aver avviato assieme al Noviziato il percorso in preparazione alla Pasqua, abbiamo ripreso in mano le quattro parole della prima attività. Dopo esserci confrontati per anno e con tutto il Clan, è emerso che in base all’età i temi più sentiti erano leggermente diversi ma, nel complesso, nessuno veniva escluso.

In questo periodo difficile stiamo vedendo come la comunità continui ad esistere anche se non possiamo viverla fisicamente: la guida e lo scout sorridono e cantano anche nelle difficoltà, dice la nostra Legge. E l’esperienza dello scautismo fa sì che tra di noi si instauri un rapporto particolare che ci permette di avere fiducia l’uno nell’altro anche se effettivamente non ci vediamo spesso.

Autore: Chiara Bucciol e Maria Paulon

SEGUICI SUI SOCIAL

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO  - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - Tel. 0421 338911