ORATORIO DON BOSCO - San Donà di Piave

Ci vediamo al campo!

del 07 luglio 2021

Anche quest'anno associativo è giunto al termine e il gruppo scout conclude le attività in villa de Faveri...

Sabato 12 e domenica 13 giugno noi scout del gruppo San Donà 1 abbiamo partecipato all'uscita di chiusura delle attività: si tratta di un momento in cui ogni branca conclude il percorso dell'anno e lancia il tema dei campi estivi, dedicando poi l'estate a prepararli. Solitamente l'uscita è di gruppo, quindi svolgiamo le attività tutti assieme: lupetti, e/g e clan; e così siamo riusciti a fare anche quest'anno, anche se per poter rispettare le regole anti-covid abbiamo passato il sabato pomeriggio e la notte separati e ci siamo riuniti solamente la domenica in villa del Faveri. 

Vediamo ora che cosa hanno fatto le varie branche!

Per il branco Waingunga, nel giardino dell’oratorio molti lupetti hanno presentato le loro specialità, facendo scoprire al resto del branco i loro interessi e le loro passioni. Verso sera, sono apparsi alcuni cacciatori alla ricerca di un orco e un messaggero di Lord Farquaad, che ha informato i lupi di un avviso di sfratto a loro danno firmato proprio dal re in persona: si è così capito che quest’anno le vacanze di branco finalmente si faranno (!) e che il tema del campo sarà appunto Shrek con il suo mondo fatato! Dopo cena, il branco si è divertito in un partecipatissimo fuoco serale assieme al branco Seeonee: tra una partita a tiro alla fune e una a nascondino, i due branchi si conosciuti meglio, in allegria e spensieratezza. Ma l'esperienza più elettrizzante doveva ancora venire: per il branco sarebbe stata la prima notte lontano da casa, dormendo in oratorio con sacchi a pelo e stuoini! Al mattino, dopo una ginnastica mattutina a sorpresa e la colazione, il branco si è diretto verso Villa de Faveri per incontrare il resto del gruppo.

Gli esploratori e le guide si sono trovati in Oratorio e come tutti i weekend, però questa volta sapevano sarebbe stata l’ultima attività prima del campo estivo che si terrà tra il 9 e il 21 agosto in Località Muda-Maè a Longarone. Hanno passato il pomeriggio giocando e concludendo alcune attività per poi dirigersi verso Casa Saretta, dove hanno allestito i copritenda e i ripari di fortuna per la notte; ma prima di coricarsi, come da tradizione, si sono divertiti con il Fuoco Serale organizzato dai Capi Squadriglia e dai ragazzi del quarto anno. E proprio prima di andare a dormire i Capi hanno interrotto il cerchio presentandosi vestiti come i personaggi di Peter Pan, tema dello scorso campo estivo (si intende quello di due anni fa), e spiegando che presto sarebbero ripartiti per un nuovo viaggio. Tra l’entusiasmo e la felicità tutti si sono addormentati serenamente, ma le sorprese non erano finite: il giorno seguente, prima che terminasse l'uscita, i reparti hanno attraversato un armadio (gentilmente offerto dalla Squadriglia Aironi) e sono stati invitati a bere un tè nel magico e misterioso mondo di Narnia

Il Clan ha continuato lo svolgimento del Capitolo, quest'anno dedicato alla riscoperta e salvaguardia del territorio: le attività erano volte a conoscere il territorio in cui viviamo, capire come e quanto i cambiamenti climatici lo stanno mutando e, soprattutto, cosa possono fare i cittadini i prima persona! Per questo il clan sta anche collaborando con il comune, ma riguardo a ciò verrà pubblicato a breve un altro articolo quindi non facciamo troppi spoiler… Dopo una biciclettata, gli R/S sono giunti a Cittanova, dove hanno vissuto un'attività di approfondimento di una tematica molto viva in queste settimane: il ddl Zan. Lo scopo era informarsi e capire quali sono i pro e i contro da entrambe le parti, così che ognuno potesse poi crearsi il proprio pensiero; questo corrisponde proprio ad uno dei punti della partenza, ovvero la scelta politica: non si tratta di scegliere un partito ma capire che è importante la partecipazione attiva del singolo cittadino, formarsi una coscienza politica e impegnarsi per creare sempre un proprio pensiero, indipendentemente dalle voci che girano. Per questo, dopo una breva spiegazione di cosa comporti il ddl dal punto di vista legislativo - per la quale è intervenuto uno dei capi, Enrico Zuccon, che è magistrato - si è svolto un dibattito molto acceso che ha proprio centrato l'obiettivo. Dopo la cena e il fuoco serale, il clan ha passato la notte lì, accampato con delle tendine singole per rispettare le norme sanitarie, e la mattina ha raggiunto le altre branche.

 

Come abbiamo detto, la domenica è stata il momento di gruppo: ritrovatisi tutti in villa de Faveri con anche i genitori, abbiamo vissuto assieme la messa e poi le varie riunioni in preparazione ai campi estivi. 

E ora non ci resta che dire: arrivederci al campo!

Autore: Giorgio Boem, Cecilia Geraci, Maria Paulon

SEGUICI SUI SOCIAL

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO  - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - Tel. 0421 338911