ORATORIO DON BOSCO - San Donà di Piave

Campetto di alta squadriglia 2019

del 24 aprile 2019

Nei giorni 17-18 e 19 aprile si è svolto ad Andreis il campetto di alta squadriglia a cui abbiamo preso parte noi scout del terzo e quarto anno dei reparti Mizar e Baden Powell.

Mercoledì alle ore 15.00 siamo partiti dall’ oratorio e ci siamo diretti verso la nostra meta, ossia la base scout di Andreis.

L’ultimo tratto di strada però lo abbiamo percorso con una camminata organizzata dai capi. Qui è anche partita l’ambientazione del campetto. Abbiamo infatti ripercorso le avventure delle aquile randagie, gruppo scout che svolgeva le proprie attività, allora ritenute illegali, durante il totalitarismo fascista.

È stato inoltre introdotto l’argomento di cui abbiamo parlato durante i tre giorni, ovvero la politica e gli eccessi.

Durante la camminata la pattuglia “tema” ha letto alcuni brani relativi a degli specifici valori, tra i quali la responsabilità, la coerenza, il rispetto…

Alla sera siamo arrivati alla base e ci siamo divisi subito in quattro squadriglie: aquile, cervi, lupi e orsi. In seguito, al fuoco serale, abbiamo svolto un’altra attività sui valori, in cui ci era richiesto di mettere per ciascuno di loro un punteggio a seconda dell’importanza che avevano per noi.

Giovedì, dopo esserci svegliati presto, ci siamo incamminati verso il lago di Barcis. Il percorso, progettato dalla pattuglia logistica, ci ha permesso di osservare il lago da ben due belvederi e di addentrarci nella natura del luogo.

Arrivati a destinazione siamo stati coinvolti in un’altra attività del gruppo tema, riguardante gli eccessi.

Dopo il pranzo è venuto il momento della catechesi, in cui abbiamo avuto del tempo per riflettere su noi stessi e sul nostro percorso durante il campetto.

Dopo essere tornati alla base abbiamo avuto l’occasione di cimentarci in un gioco del tutto originale, in cui abbiamo simulato dei processi al tribunale, dove eravamo liberi di decidere da che parte stare e di esprimere le nostre idee su un caso specifico.

La sera è arrivato il momento della gara di cucina, durante la quale ogni squadriglia doveva cucinare un piatto, assegnato in seguito ad un gioco. A vincere sono stati i lupi, ma tutti siamo stati soddisfatti del nostro lavoro.

Dopo la gara e la lavanda dei piedi ci siamo divertiti in un breve, ma intenso, fuoco serale, dove, dopo un grande nascondino, abbiamo ringraziato per il campetto e condiviso ciò che ci “portiamo a casa” da questa esperienza.

Venerdì mattina i capi ci hanno coinvolto in un’attività riguardante la politica, più in specifico la costituzione messa a confronto con la legge scout. Per concludere le attività su di essa abbiamo riflettuto su cosa sia veramente la politica, mettendola in relazione con i valori imparati durante il campetto.

Dopo un pomeriggio pieno di giochi e divertimento siamo ripartiti verso San Donà, dove abbiamo partecipato alla Via Crucis del venerdì santo, alla fine della quale, stanchi ma orgogliosi, abbiamo concluso il nostro campetto.

Questa esperienza per molti è servita a riflettere, per altri a conoscere meglio gli altri e loro stessi, ma alla fine tutti ci siamo divertiti, e questo è quello che conta.

Autore: Simone Paulon

SEGUICI SUI SOCIAL

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO  - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - Tel. 0421 338911