ORATORIO DON BOSCO - San Donà di Piave

Banda per le missioni!

del 31 gennaio 2019

Il concerto della banda del 27/01/2019 ha permesso una raccolta di fondi, che saranno devoluti alla missione di Ankililoaka...

I fondi della raccolta del concerto della banda saranno devoluti alla missione di Ankililoaka nella parte sud ovest del Madagascar. E’ una missione di “campagna” con una scuola primaria, secondaria ed il  liceo. La missione sostiene numerose scuole nei vari villaggi  sparsi nella zona, alcuni lontani parecchi chilometri dalla missione. Da anni DIM.MI. aiuta questo impegno dei salesiani con adozioni a distanza con la particolarità di adottare gli insegnanti e non i bambini. La popolazione delle campagne del sud Madagascar sono semi nomadi il che vuol dire che se i campi non producono più a sufficienza le famiglie si spostano in zone più fertili (nella zona non piove da due anni).  In questa situazione è difficile seguire i bambini nei vari spostamenti per questo adottiamo gli insegnanti. In questo modo è possibile garantire la presenza degli insegnanti a scuola il che vuol dire continuità didattica e i salesiani possono controllare con regolarità il percorso e i risultati scolastici.  Contemporaneamente gli insegnanti hanno la certezza di uno stipendio adeguato e l’incentivo di avere anche una casa.

La foto è di una bambina che per aiutare la famiglia produce ghiaia sminuzzando a martellate la roccia. I bambini che “in campagna” non vanno a scuola per aiutare la famiglia sono oltre il 60%.

 

Il seme missionario nella Banda Don Bosco è stato piantato da Don Tarcisio del Fabro che in età di pensione ha preferito ad un “dolce far niente” spendere gli ultimi anni presso la missione di San Carlos in Bolivia. In una lettera dell’estate del 1990, per la prima volta, chiede aiuto per i suoi bambini di San Carlos. Senza tanti giri di parole stende la mano per chiedere un atto di solidarietà per chi non ha niente. Ai suoi ragazzi di San Donà domanda 500 dollari, che servono per acquistare l’occorrente per mandare a scuola molti bambini della sua parrocchia. La banda risponde a questo appello inventando, assieme alla Fanfare del Piave, “un cuaderno para los ninos” una sottoscrizione che si concluse con un concerto dei due gruppi presso il teatro dell’Oratorio. La somma raccolta fu di 1550 dollari. L’iniziativa continuò per molti anni anche dopo la morte di don Tarcisio. Ad Antanimasaja, periferia di Mahajanga in Madagascar, pochi sono i bambini che frequentano la scuola elementare perché la più vicina è a cinque chilometri e per arrivarci bisogna percorrere la strada nazionale e purtroppo gli incidenti sono frequenti. Uno dei tanti, provocato da un’auto uscita di strada, ha causato in una sola volta cinque morti, tutti bambini che stavano rientrando da scuola. La richiesta di aiuto per costruire una scuola arriva da don Bepi Miele direttore dell’Oratorio di Mahajanga. La banda risponde a questa nuova richiesta di aiuto allestendo il piazza il presepio vivente. Tutte le offerte raccolte con le rappresentazioni
degli anni ’92 ’93 ’94, unite al ricavato di una edizione del “Cuaderno para los ninos” vengono consegnate nelle mani di don Bepi. La scuola elementare di Antanimasaja è stata inaugurata un anno dopo. Ora ci viene chiesto aiuto dalla missione di Ankililoaka, regione di Tolear, nel sud-ovest del Madagascar...

SEGUICI SUI SOCIAL

 

       

 

ORATORIO DON BOSCO  - via XIII Martiri, 86 - 30027 San Donà di Piave (VE) - Tel. 0421 338911